Sinistra anticapitalista: «L'Altra Emilia Romagna è un primo passo per la sinistra di alternativa In evidenza

«La costruzione della Lista “L’altra Emilia Romagna” è stata l’espressione parziale, ma positiva, pur con tante ambiguità che permangono, di una prima chiarificazione politica operata all’interno della Lista Tsipras tra chi vuole rimanere sul carro del PD e chi vuole provare a individuare un’alternativa all’attuale blocco politico e di potere nella regione».

Per queste ragioni Sinistra Anticapitalista dà indicazione di voto «per la lista “L’altra Emilia Romagna” e per la sua candidata Cristina Quintavalla». In un «contesto di scontro sociale», segnato dagli scioperi e dalle mobilitazioni contro il jobs act, «le elezioni regionali in Emilia Romagna del 23 novembre costituiranno un banco di prova per tutte le forze politiche: per il governo Renzi, per il PD regionale da sempre al governo della Regione, per destre guidate dalla Lega di Salvini sempre più xenofoba e razzista».

Sinistra Anticapitalista si è pronunciata per la composizione di un blocco di forze di sinistra caratterizzato dalla contrapposizione alle politiche di austerità Ue e in totale indipendenza anche dalle amministrazioni del PD che queste politiche gestiscono a livello nazionale e locale.  

Cerca nel sito